Burzum
NEWSBIOGRAPHYDISCOGRAPHYPHOTOSLIBRARYDOWNLOADSCONTACTS

LIBRARY

Paganesimo: Parte VI - Igiene in éra pagana

Una cosa che lascia perplessi in "The Lord Of The Rings - The Fellowship Of The Ring", il film di Peter Jackson, è che tutti i personaggi - eccezion fatta per Legolas e gli altri elfi - sono osceni dal principio alla fine del film. Questo fatto mi ha ricordato che tale è in effetti il modo in cui l'uomo moderno vede i nostri progenitori. Non sto dicendo che qualcuno creda che "The Lord Of The Rings" sia una storia vera, ma chiaramente film come questo son fatti prendendo come modelli i nostri progenitori del Medioevo e dell'éra preistorica, e noi tendiamo a veder loro come creature completamente oscene.

Ognuno di noi probabilmente s'è sentito raccontare di come tutti gli europei nel Medioevo fossero abituati a lavarsi solo una volta all'anno - alla vigilia di Yule - e di come i reali francesi, nel XVII e XVIII secolo, utilizzassero profumi per soffocare il loro odore disgustoso, anziché semplicemente lavarsi. Essi sarebbero stati a tal punto osceni e ripugnanti che l'uomo moderno rabbrividisce per il disgusto quando sente parlar di loro.

Gli storici possono anche raccontare che in età vichinga i pagani scandinavi erano molto popolari tra le donne dell'Europa cristiana. La ragione non risiedeva solamente nel fatto che essi erano più belli e più sani, ma in verità anche perché essi si lavavano - e regolarmente (almeno una volta a settimana). Il fatto è che l'igiene orribilmente scarsa di medieval memoria non arrivò in Europa fino a quando il cristianesimo non arrivò in Europa. I cristiani affermavano che il lavarsi e l'avere una buona igiene fossero "peccato", e li bandirono! Questa è la ragione per cui l'Europa nel Medioevo divenne un porcile, non certo perché la gente in passato fosse così sporca e ignorante!

Si può evincere in modo molto chiaro l'usanza di lavarsi accuratamente una volta a settimana se si osservano i nomi scandinavi dei giorni della stessa:

NorrenoNorvegeseTraduzione inglese
SunnadagrSøndagGiorno del Sole
MánadagrMandagGiorno della Luna
TýsdagrTirsdag/TysdagGiorno di Týr
ÓðinsdagrOnsdagGiorno di Óðinn
ÞórsdagrTorsdagGiorno di Þόrr
FrjádagrFredagGiorno d'Amore (di Freyja/Freyr)
LaugardagrLørdag/LaurdagGiorno dell'igiene


La settimana iniziava con la domenica, di conseguenza essi concludevano sempre la settimana lavandosi (e pulendo la casa), per non portar con sé nulla di impuro nella settimana nuova (così come essi non portavano mai nulla di impuro nei reami degli dèi o nei luoghi sacri). Il giorno dell'igiene era dedicato a Heimdallr - conosciuto come "il dìo bianco" - il quale reggeva il principio "raccogli ciò che semini". Ogni fine settimana, dunque, si lavavano, e ogni ultimo sabato dell'anno lo facevano in modo particolarmente accurato. Avere una buona igiene, in altre parole, è parte importante dell'antica religione (ed è in effetti il motivo per cui i cristiani bandirono questa pratica e la chiamarono "peccato")!

Ora, questi sono i nomi scandinavi dei giorni della settimana, ma almeno in inglese e latino, e in parte anche in tedesco, essi sono identici (solamente coi nomi inglesi, latini e tedeschi delle divinità). Non conosco i nomi dei giorni della settimana in altre lingue europee, ma non sarei sorpreso se fossero basati sulla stessa identica filosofia pagana.

La mia asserzione è che quest'usanza di lavarsi almeno una volta a settimana sia stata anticamente un'usanza pan-europea, e non solamente scandinava. Sappiamo che già i romani avevano elaborato bagni pubblici e praticavano il nuoto subacqueo, e questo sostiene la mia ipotesi che tutta l'Europa pagana desse importanza all'igiene. Posso aggiungere che la maggior parte dei misteri pagani ha inizio o si conclude con un'abluzione, oppure, nel caso dei misteri dell'iniziazione, con un accurato lavaggio del candidato.

La cultura sanitaria schifosamente scarsa che arrivò in Europa col cristianesimo, comunque, non è l'unica porcheria che questo rigurgito asiatico ci ha portato. Anche l'igiene mentale e l'igiene razziale praticati dagli antichi europei vennero gettati nel caos con l'introduzione del cristianesimo. In questo contesto, se un antico europeo vedesse l'Europa moderna, e vedesse come le persone si comportano e vivono oggi, egli/ella reagirebbe (a ragione) con lo stesso orrore che noi proviamo nel sentir parlare dell'igiene nell'Europa medievale!

Nel XIX secolo la scienza e il senso comune hanno finalmente sconfitto il punto di vista cristiano sull'igiene, e sono convinto che anche il resto di questa peste ebraica lo sarà col tempo. Alcuni di noi han già sviluppato l'immunità, e per questo mai verranno insudiciati da questa piaga, accada quel che accada. Con la scienza come riluttante alleato la ragione prevarrà.

Benché condannato a vivere ad Hel/Ade durante la stagione invernale, Baldr/Persefone sempre ritorna a noi nella stagione estiva. Dagr ("giorno") è generato da Nátt ("notte"); prima di poter godere della meravigliosa luce d'un nuovo giorno, sempre a resister siam costretti alle tenebre della notte. Il fatto che questa notte in parti dell'Europa stia durando da più di 1.800 anni non cambia nulla.

Varg "Fenrir" Vikernes
08.01.2005
Traduzione di Lupo Barbéro Belli



Swastika

Qua medicamenta non sanant, ignis curat
(Quel che le medicine non sanano, lo cura il fuoco)


© 1991-2019 Property of Burzum and Varg Vikernes | Hosted at Majordomo | Secured by COMODO PositiveSSL