Burzum
NEWSBIOGRAPHYDISCOGRAPHYPHOTOSLIBRARYDOWNLOADSCONTACTS

LIBRARY

Racconto di un bardo: Parte VIII - Religione o Ragione

Quando si abbraccia il Paganesimo, al giorno d'oggi, si deve fare attenzione a non abbracciare una vecchia ignoranza e delle idee sbagliate. I maghi dell'Età della Pietra furono i primi scienziati del nostro mondo: erano astronomi, erboristi, meteorologi, geologi, chirurghi, dentisti, matematici, e si potrebbe continuare. E tutto ciò che essi essenzialmente facevano era cercare di riuscire a capire come funzionasse il Tutto. Però, poiché ciò che avevano all'inizio era, per così dire, una tabula rasa, molto di ciò che videro fu un'illusione e molte delle loro teorie erano sbagliate. Tuttavia, durante il percorso, essi scoprirono alcune verità universali, sane ed eterne, e queste verità sono ciò che noi tutti dovremmo abbracciare con tutto il cuore. Essi realmente videro e capirono ciò che è bene per l'umanità, ciò che è essenziale e ciò che è giusto, come l'eugenetica; e tutto questo, mio caro lettore, è ciò su cui si fonda il Paganesimo moderno. Essere pagani allo stesso modo dei nostri lontani avi è solamente reazionario. Noi abbiamo bisogno di una moderna visione del mondo scientifica che si fondi su valori e ideali pagani: lealtà, saggezza, coraggio, amore, disciplina, onestà, intelligenza, bellezza, responsabilità, salute e forza. Sarebbe bello, romantico, incantevole e affascinante praticare il Paganesimo al modo dei nostri avi, ma è totalmente reazionario e senza senso.

Ciò che rende il Paganesimo diverso dalla Giudeo-Cristianità è il fatto che il Paganesimo non è dogmatico. La Giudeo-Cristianità scomparirà o, nella migliore delle ipotesi, verrà ridotta ad un culto per qualche povero idiota (e, in un certo senso, è già così), perché i suoi dogmi sono basati sull'ignoranza e su idee sbagliate. Solamente gli stupidi continueranno a credere in "Dio" (in qualunque dio!) o nella partenogenesi, dal momento che sappiamo che tutte queste idee sono basate sull'ignoranza e sugli errori dell'uomo dell'Età della Pietra. Allora non avevano una teoria migliore, ma noi sì. Per esempio, noi sappiamo che non sono gli spiriti a controllare il moto del sole; sappiamo che esso "nasce" e "tramonta" ogni giorno poiché la Terra ruota attorno al proprio asse. Sappiamo anche che il concetto originario degli dèi nacque poiché questi spiriti immaginari vennero antropomorfizzati nella tarda Età della Pietra e durante l'Età del Bronzo. Non fa differenza credere in un unico dio o in molti dèi, si tratta della stessa follia. Inoltre, essi non sapevano che è il rapporto sessuale ciò che fa rimanere le donne incinte, credevano che fossero i raggi del sole o la pioggia, o che essi potessero trasferire la fertilità di Madre Terra alle donne frustando le loro parti basse con rami di betulla a primavera. L'idea della partenogenesi fu possibile solamente perché duemila anni fa la maggior parte dei Medio-Orientali ancora non sapeva come le donne rimangono incinte. Oggi lo sappiamo tutti molto meglio.

Gli aborigeni australiani erano, e sono, troppo stupidi per capire che non ci sono spiriti. I negri e le altre razze inferiori erano, e sono, troppo stupidi per capire che non ci sono dèi né dio. Gli europei più intelligenti rifiutarono la religione e la fede in dio intorno alla seconda metà del secolo XV, quando la scienza dell'Antichità Classica ebbe il suo Rinascimento e la fede in Dio divenne una religione per i più tonti (e la Riforma fu conseguenza di questo: cercarono di liberare la Cristianità da tutte le frottole dell'Età della Pietra, ma come sappiamo vi riuscirono solamente in parte). Nell'Asia Orientale, i geniali Giapponesi e i Coreani, e anche i Cinesi, presto si mossero e seguirono il sentiero della scienza fin da allora.

Se si suppone che serva ad uno scopo, il Paganesimo ha bisogno di essere un'ideologia, non una religione, e dèi e dee devono essere visti come esempi di condotta e non come entità reali di nessun tipo. Alcune domande restano senza una risposta da parte della scienza, è vero, poiché non sappiamo veramente da dove veniamo, né dove andiamo quando muoriamo, e nemmeno se veramente andiamo da qualche parte; così, in questi casi, possiamo sempre trovare le risposte nei miti. In tutti gli ambiti in cui la nostra conoscenza è migliore di quella dei nostri avi dovremmo, e dobbiamo, sempre rimpiazzare miti e religione con fatti e ragione. Anche i maghi facevano questo ogni volta che potevano, e avrebbero continuato a farlo, se non fossero stati assassinati dai lacchè degli ebrei quando l'Europa fu cristianizzata (id est mentalmente schiavizzata) a partire dal secolo IV.

Varg Vikernes
Tradotto da Lupo Barbero Belli



Q.I. MEDIOGRUPPOLA MAGGIOR PARTE CREDE IN
56Aborigeni australianiSpiriti
62-67NegriSpiriti e dei o Dio/Allah
85Nativi americaniSpiriti e dei o Dio
85Arabi/Iraniani/PakistaniDio/Allah
85IndianiDei
90Turchi/CentroasiaticiDio/Allah
90Indonesiani/IndocinesiDio/Allah
100EuropeiScienza
105Estremo-OrientaliScienza


© 1991-2019 Property of Burzum and Varg Vikernes | Hosted at Majordomo | Secured by COMODO PositiveSSL