Burzum
NEWSBIOGRAPHYDISCOGRAPHYPHOTOSLIBRARYDOWNLOADSCONTACTS

DISCOGRAPHY

Burzum "The Ways Of Yore" 2014
Byelobog Productions

Burzum The Ways Of Yore

Lista delle canzoni:
God from the Machine [Deus Ex Machina]
The Portal [Il portàle]
Heill Óðinn [Salute Óðinn]
The Lady in the Lake [La signora nel lago]
The Coming of Ettins [L'arrivo degli Ettin]
The Reckoning of Man [La stima dell'uomo]
Heil Freyja [Salute Freyja]
The Ways of Yore [Le vìe di Yore]
Ek Fellr (I am falling) [Io cado]
Hall of the Fallen [La sàla dei caduti]
Autumn Leaves [Foglie d'autunno]
Emptiness [Vuòto]
To Hel and back again [A Hel e nuovamente tornare]

"The Ways of Yore" è il dodicesimo album di Burzum. Esso è simile nei tratti stilistici ai precedenti album ambient di Burzum, ma al contempo se ne discosta, sia per quanto riguarda lo stile che per quanto riguarda l'espressione vocale. Una miscela di struggente narrazione attraverso voci pulite combinata col genio musicale di Burzum rendono "The Ways of Yore" un album dal suono molto interessante e innovativo, che tutti i fan di Burzum gradiranno. Ispirato dalla profonda conoscenza di Burzum della nostra storia ed evoluzione europea, "The Ways of Yore" è la prosecuzione del suo lavoro di ricerca sui nostri progenitori e della spiegazione alla nostra evoluzione umana.

Burzum dice del nuovo album: "The Ways of Yore" rappresenta il mio primo passo verso qualcosa di nuovo, che allo stesso tempo è antico quanto le radici d'Europa. Con "The Ways of Yore" cerco di trasportar coloro che ascoltano ai giorni di Yore, affinché sentano il passato che ancor vive nel loro stesso sangue.


"The Ways of Yore" è stato composto da Burzum.
Prodotto e Mixato da Burzum.
Il dipinto in copertina ("Viviane e Merlino") è opera di Gustave Doré.
Design e Layout di Dan Capp & Burzum.


Lyrics



Deus Ex Machina

Strumentale.

Il portàle

Strumentale.

Salute Óðinn

Salute Óðinn!
Felicità Óðinn!

La signora nel lago

Venne dall'acqua.
Audace e bella.
Potente maga dalle profondità.

L'arrivo degli Ettin

Una roccia ghiacciata venne dalle stelle.
Si sciolse sulla Terra,
sgocciolando cuori di pietra;
divennero abominevoli orrori.

Non aveva fine.
Gli ettin consumaron la Terra
con pericolosa magìa
e sterminata brama.

Finché giunsero,
i tre dèi:
WôdhanaR, ThunaR e FraujaR.
Essi gettaron l'orrore nell'abisso.

Ma molti ettin rèstano,
morti e freddi ma vivi,
sognano e attendono
nei luoghi profóndi e oscuri della Terra.

La stima dell'uomo

Ricordo il Sole splendente che infonde fiducia,
le foreste ghiacciate e le cadute foglie,
e la collina cava sotto il cielo.

Ricordo le fredde e strette grotte,
i lunghi cunicoli quieti
e i grandi laghi sotterranei.

Ricordo i fiòchi abissi della Terra,
la lucida signora nella luce
e la sua sacra strofa.

Ricordo la bestia luminosa nella sua nave,
l'alto troll che le racconta storie,
e il dolce miele nella cavità tormentata.

Ricordo la parola d'ordine protetta,
il rassicurante simbolo segreto
e gli antichi oggetti dell'Óðal.

Ricordo le rune rosse sulla roccia,
l'incantesimo del vedere esser cantato,
e del bel cunicolo l'ardita apertura.

Ricordo l'avvento dell'uomo rinato,
la nascita di Baldr il raggiante,
il ritorno d'un mondo che con dolor fu perduto.

PS. Il secondo titolo provvisorio di questa traccia era "The Reckoning of Mîmir". Il titolo provvisorio originale era "Thule3", comunque. Come esso suggerisce, si tratta di una delle prime tracce che ho composto per "The Ways of Yore".


Salute Freyja

Salute Freyja!

Le vìe di Yore

Luci nel lago.
Tremolanti fantasmi.
Danzatori nel profóndo.
Meraviglioso bianco móndo.

Che ritorna.

Che sorge.
Che è sospeso.
Che riscalda.
Che illumina.

Che ritorna.

Io cado

Io cado.

La sàla dei caduti

Appeso all'albero della vita.
Ferito. Sanguinante.
Dalla sàla degli dèi io cado!

Il legame è stato sciolto.
Non posso reggermi, né parlare.
Non posso strisciare, né chiaramente pensare.
Ricomincio di nuovo. E di nuovo. E di nuovo.

Il legame è stato sciolto.
L'albero è caduto.
La vita di un dìo,
ritorna. Di nuovo.

Non vi è morte per il degno d'onore.
Non vi è fine per il degno d'onore.

Solo eterna rinascita.

Foglie d'autunno

Strumentale.

Vuòto

Strumentale.

A Hel e nuovamente tornare

Strumentale.

Traduzione di Lupo Barbéro Belli

© 1991-2016 Property of Burzum and Varg Vikernes | Hosted in Mother Russia by Majordomo